Sistema Solare: avvistato primo esoasteroide

Geronimo Vena
Novembre 21, 2017

Il nome è alquanto impronunciabile, 'Oumuamua, ma la sua vera peculiarità è che si tratta del primo asteroide interstellare mai osservato fino a oggi. I risultati sono stati pubblicati dalla prestigiosa rivista Nature. I calcoli dell'orbita hanno mostrato che non proveniva dall'interno del Sistema Solare ma dallo spazio interstellare, dove stava rapidamente tornando, viaggiando a circa 95mila km/h.

Nel nostro sistema solare ci sono migliaia di asteroidi, circa 600 mila sono quelli classificati dagli scienziati, anche se potrebbero essere più di un milione secondo altre stime.

Inizialmente scambiato per una cometa o piccolo asteroide, si è subito capito che in realtà si trattava di qualcos'altro. Si pensa che ogni anno almeno un asteroide interstellare, proprio come Oumuamua, si intrufoli nel nostro Sistema Solare. Tuttavia, durante il suo avvicinamento al Sole non produceva alcuna coda, a dimostrazione che la sua superficie non conteneva quantità significative di acqua o ghiaccio, a differenza delle comete. Ma non è detto che provenga da lì, probabilmente ha vagato per la galassia per centinaia di milioni di anni prima di imbattersi casualmente nel Sistema Solare. Quindi una familiarità con gli asteroidi che popolano il nostro sistema planetario (grandezza, forma, rotazione e colore).

"Stiamo continuando a osservare questo oggetto unico nel suo genere - ha concluso Olivier Hainaut, coautore dello studio - e speriamo di riuscire a identificare con maggior precisione il suo luogo di origine e la prossima destinazione del suo viaggio galattico".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE