È morto Charles Manson: il serial killer più sanguinario degli USA

Bruno Cirelli
Novembre 20, 2017

10050 Cielo Drive a Bel Air: la villa di uno degli omicidi più efferati della storia americana.

Dopo alcuni giorni di agonia, è morto in ospedale, all'età di 83 anni, il serial killer statunitense Charles Manson. Il sanguinario criminale che ordinò alla sua setta, la 'Family', di uccidere Sharon Tate, la giovane moglie del regista Roman Polanski, e altre sei persone in una notte di agosto del 1969, era stato ricoverato in ospedale in gravissime condizioni dalla sua cella della prigione di Corcoran da cui per ben 12 volte aveva vanamente tentato di uscire in libertà vigilata. Nel 2014 aveva ottenuto il permesso di sposare in carcere la allora 26enne Afton Elaine Burton, una slanciata brunetta che gli aveva fatto visita in carcere, ma poi non se ne fece nulla. Sette sono state le sue vittime e Manson era stato condannato esattamente a 7 ergastoli.

Charles Manson sta per morire: "È questione di ore". Armati di coltelli, pistole e una corda di nylon di 13 metri, i killer fecero irruzione nella villa e uccisero senza pietà. Fu il mandante del massacro dell'attrice Sharon Tate e di 4 amici di lei nel 1969.

Voleva fare il musicista Charles, e amava i Beatles. Il brano "Helter Skelter" divenne la "firma" delle sue stragi, scritta su specchi e pareti col sangue delle vittime.

Nessuna pietà anche per l'imprenditore italoamericano LaBianca e la moglie, uccisi il giorno dopo nella loro abitazione con oltre 40 colpi di forchetta sul capo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE