Un anno fa ho ucciso mio padre, l'avete archiviata come morte naturale

Bruno Cirelli
Novembre 15, 2017

"L'ho ucciso io". Il racconto choc è di un trevigiano di 43 anni, che sabato sera si è presentato dai carabinieri della compagnia Bologna Centro per costituirsi: ai militari dell'Arma ha raccontato di aver provocato intenzionalmente la morte del genitore, avvenuta a settembre del 2016, a Oderzo, in provincia di Treviso. Ne è prova il fatto che sia stato trovato in possesso di un biglietto aereo, che avallerebbe la possibilità del pericolo di fuga dell'indagato. Vicenda archiviata come morte naturale, che il reo confesso ha dichiarato essere stato un delitto da lui compiuto sembra per soffocamento. Ma i sensi di colpa hanno giocato un ruolo determinante, spingendo Carlo Friserio, che si trovava a Bologna dove l'indomani avrebbe dovuto prendere un volo internazionale, a vuotare il sacco: "Mio padre non è morto per cause naturali - ha detto - L'ho ucciso soffocandolo durante il pasto".

Il pm Antonella Scandellari ha chiesto la convalida del provvedimento e, dopo la decisione del Gip, gli atti verranno trasmessi per competenza dalla Procura di Bologna a quella trevigiana per i riscontri alle affermazioni dell'uomo. Il decesso era stato inizialmente archiviato come una morte naturale, per questo all'epoca dei fatti non era stata disposta l'autopsia sul corpo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE