Boschi al G7 di Taormina: "Pari opportunità e cultura quinta essenza dell'Italia"

Bruno Cirelli
Novembre 15, 2017

Al via oggi a Taormina il primo G7 sulle Pari opportunità della storia. Sono state dispiegate sul territorio anche unità cinofile, artificieri, tiratori scelti e reparti antiterrorismo e anti crimine, elicotteri della Polizia e dell'Arma, mentre la sicurezza in mare verrà effettuata dal Reparto aeronavale della Guardia di Finanza e dalla Capitaneria di Porto di Messina. Ad integrare i dispositivi di sicurezza anche aliquote di rinforzo messe in campo dal dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell'Interno.

"Siamo pronti anche a questo grande evento che segna il ritorno del G7 a Taormina e ripropone la nostra città all'attenzione del mondo", afferma il sindaco Eligio Giardina. Lo ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, Maria Elena Boschi, a Taormina per i lavori del G7 Pari opportunità. Parteciperà, inoltre, la Commissaria Europea per la giustizia, la tutela dei consumatori e l'uguaglianza di genere Věra Jourová. Alle ore 12 è in agenda il pranzo di lavoro presso il Palazzo Duchi di Santo Stefano.

Seguendo la roadmap adottata lo scorso maggio dai leader del G7 per la promozione della parità di genere, i Ministri affronteranno due principali temi: la riprogettazione del mercato del lavoro e del sistema di welfare per liberare il potenziale femminile sia in ambito economico che politico; l'empowerment economico delle donne come strumento di prevenzione e di lotta alla violenza di genere, nonché di contrasto al fenomeno della tratta delle donne e delle bambine migranti. In serata, il trasferimento a Catania, al Teatro Massimo Bellini, per assistere all'esibizione straordinaria dell'étoile al Teatro della Scala di Milano Roberto Bolle per il G7 Pari Opportunità.

La Ministeriale discuterà un piano d'azione che mira a sollecitare strategie sulla parità di genere e l'empowerment femminile, contrastare abusi e violenze. Sforzi tesi soprattutto al miglioramento dell'accesso al lavoro e nei luoghi decisionali. In tarda mattinata, il 16 novembre, è in programma la conferenza stampa finale. Su questa traccia, i 7 paesi cercheranno un consenso dando il via a nuove e comuni politiche per la parita' di genere.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE