Baby, la terza serie italiana di Netflix sarà sulle squillo dei Parioli

Ausiliatrice Cristiano
Novembre 15, 2017

La serie si concentra sulla vicenda di un gruppo di ragazzi dei Parioli, in una vicenda ispirata alla storia delle minorenni romane coinvolte in un giro di incontri a pagamento: uno scandalo scoppiato a Roma nell'estate 2014. È arrivato infatti oggi l'annuncio dell'arrivo di Baby, la terza serie originale italiana prodotta da Netflix. Fra crisi adolescenziali, scoperta dell'amore, pressioni familiari e segreti inconfessabili, si prospetta un racconto inedito e sperimentale, anche perché a scrivere la serie è stato chiamato un audace collettivo di sceneggiatori, i Grams (Antonio Le Fosse, Eleonora Trucchi, Marco Raspanti, Giacomo Mazzariol e Re Salvador con la collaborazione di Isabella Aguilar e Giacomo Durzi). Le riprese al via nel 2018.

"Siamo orgogliosi di continuare ad investire in contenuti originali in Italia e Baby è rappresentativa dei nuovi e avvincenti programmi dei produttori di talento che amiamo. Non potremmo essere più emozionati di iniziare a lavorare a questa serie". Nicola De Angelis, executive producer di Fabula Pictures, ha elogiato la "grande libertà creativa che Netflix ci offre" come "terreno perfetto per sperimentare nuove modalità di storytelling nella televisione del nostro paese".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE