Lutto e cordoglio delle istituzioni: è morto Negro, assessore al Welfare

Bruno Cirelli
Novembre 14, 2017

Altri incarichi lo hanno visto componente del Consiglio dell'Ordine degli architetti di Lecce, di cui ha retto la vicepresidenza dal 1989 al 1992, del Consiglio nazionale dell'Unione delle Province italiane (Upi) e del direttivo regionale dell'Associazione nazionale comuni italiani (Anci). In Regione è stato rieletto per la seconda volta nel 2015 per la lista I Popolari. Conosciuto da tutti come Totò, nel 1980 venne eletto come consigliere comunale di Muro Leccese, suo paese di origine, per il quale poi ricoprirà la carica di sindaco dal 1995 al 2004. Il quinquennio successivo lo ha visto vicepresidente della Provincia di Lecce, fino al 2009.

Fino al termine della legislatura Negro aveva presieduto il gruppo consiliare dell'Udc, partecipando anche all'attività delle commissioni consiliari allo sviluppo economico ed ai servizi sociali.

E' morto stamani, dopo una lunga lotta contro la malattia, l'assessore regionale Totò Negro, titolare della delega al Welfare - Politiche di Benessere sociale e Pari Opportunità, Programmazione sociale ed integrazione socio-sanitaria. Ho avuto modo di conoscere e apprezzare le qualità umane e la grande preparazione dell'amico Salvatore Negro, per tutti Totò, che ha saputo accogliermi in Consiglio regionale avendo per me grande attenzione e massima disponibilità all'ascolto. La notizia è arrivata nell'aula del consiglio regionale pochi minuti prima dell'inizio della seduta, che è stata sospesa.

"Con la scomparsa di Salvatore Negro - ha commentato Antonio Nicolì, segretario generale Cisl Lecce - se ne va un politico acuto e sempre attento, un rappresentante leale delle istituzioni democratiche, un amministratore che ha investito impegno e competenza in favore del suo territorio e che è sempre stato vicino ai più deboli".

"Totò Negro era una bella persona, aperto, sensibile, di buon carattere, di rara umanità".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE