Parla Marotta: "Per l'Italia sarebbe un fallimento sportivo non andare al Mondiale"

Rufina Vignone
Novembre 13, 2017

In questo momento c'è molta pressione su Dybala, ha abituato tutti troppo bene e così quando gioca in maniera normale iniziano le critiche.

L'amministratore delegato della Juve Marotta ha rilasciato importanti dichiarazioni a "Il Giornale". Noi dobbiamo essere autorevoli candidati alla vittoria, arrivare secondi sarebbe una sconfitta, un fallimento sportivo. Bisogna farlo crescere ed è giusto lasciargli il suo tempo nel processo di evoluzione da talento a campione.

Dani Alves e Leonardo Bonucci hanno lasciato la Juventus in estate, non senza polemiche. Sembrava volesse il City, poi è arrivato il Psg. Non è facile perché è difficile trovare un giocatore da Juventus. Su Bonucci invece Marotta assolve Allegri, ritenuto dai più il colpevole della partenza del centrale: "Premetto che l'allenatore non è la causa della sua partenza. Eravamo preparati perché nelle discussioni che normalmente si fanno erano emerse delle insoddisfazioni da parte del calciatore".

Infine, una battuta sulla partita di stasera, Italia-Svezia, una partita da dentro o fuori: "Dal punto di vista sportivo un'Italia fuori dal Mondiale sarebbe un fallimento. Dovremo essere bravi e capaci di affrontare questa squadra fronteggiandola anche dal punto di vista agonistico, ovvero la caratteristica migliore della Svezia".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE