La Bulgaria è impegnata in una cooperazione permanente di difesa nell'UE

Bruno Cirelli
Novembre 13, 2017

Quello di oggi sarà "un giorno storico per la difesa europea". Lo ha detto il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, al suo arrivo al Consiglio Ue a Bruxelles. A non firmare sono stati la Gran Bretagna, in uscita dalla Ue e da sempre contraria ad una difesa comune europea, la Danimarca, l'Irlanda, Malta e Portogallo.

"C'è stata sicuramente una spinta forte dovuta a una volontà politica nuova, dopo il lavoro fatto (dall'Italia, ndr) con Germania Francia e Spagna per mettere un po' di benzina e dare un'accelerata al percorso". Nel documento si sottolinea che sarà "possibile" l'adesione anche in un momento successivo. Si tratta di un quadro permanente di cooperazione che consentirà di sviluppare capacità di difesa congiunte ai paesi che vogliano e siano in grado di farlo, investendo in progetti condivisi o rafforzando le preparazione operativa e i contributi delle proprie forze armate. "E' - ha insistito Pinotti - un passaggio molto importante".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE