Fmi conferma la ripresa italiana: Pil a +1,5% nel 2017

Paterniano Del Favero
Novembre 13, 2017

Per quanto riguarda il nostro paese il pil continuerà a salire anche nei prossimi due anni, anche se con un tasso più basso, dell'1,1% nel 2018 e dello 0,9% nel 2019.

Il FMI ricorda infine che "istituzioni forti portano ad un contesto virtuoso che promuove la competizione, aiuta a trattenere e ad attirare persone qualificate, assicura inoltre che la crescita sia inclusiva e sostenibile".

Nel suo Regional Economic Outlook, il Fondo monetario internazionale conferma la ripresaItaliana e in Eurozona. FMI ha confermato anche le stime relative alla disoccupazione che si ritiene calerà nel 2017 all'11,4%. Sempre alto il debito dell'Italia che dovrebbe attestarsi al 133% nel 2017, per poi calare al 131,4% nel 2018 e al 128,8% nel 2019.

"In Italia la recente accelerazione delle vendite di non performing loan è incoraggiante".

E ancora: tra le economie "avanzate" dell'Europa "un certo numero di Paesi hanno elevati rapporti di debito pubblico e limitati buffer fiscali, tra cui Belgio, Francia, Italia, Portogallo, Spagna e Regno Unito" e "con l'accelerazione della crescita e la fine della perdita di Pil, questi Paesi dovrebbero consolidare gradualmente" i conti pubblico "per ricostruire spazio per le politiche e mettere il debito in un percorso di calo".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE