Ellen Page dimentica Brett Ratner e va in gita con la fidanzata

Ausiliatrice Cristiano
Novembre 13, 2017

Alcuni rumor vorrebbero Gal Gadot contraria a tornare per Wonder Woman 2, qualora Brett Ratner, accusato di molestie sessuali, fosse coinvolto nel progetto.

Secondo la rivista Page Six l'attrice non vuole che il franchise di Wonder Woman venga associato a un uomo accusato di molestie.

Dopo aver ha raccontato ai fan con un lungo post sui social di quando il regista Brett Ratner avrebbe avuto atteggiamenti omofobi nei suoi confronti sul set, Ellen Page si gode un po' di tranquillità con la fidanzata Emma Portner e il cagnolino Patters.

La casa di produzione cinematografica di Brett Ratner, la RatPac-Dune Entertainment, si è infatti occupata della co-produzione di "Wonder Woman". La pellicola ha incassato più di 800 milioni di dollari a livello mondiale, più della metà rispetto agli schermi domestici, rendendolo il film d'azione diretto da una donna più visto.

Quel che è certo è che la decisione della Warner Bros. non sarebbe per niente facile, visti i finanziamenti ricevuti in passato dalla compagnia di Ratner in film come Dunkirk, The LEGO Movie e Batman v Superman: Dawn of Justice.

La Warner Bros. ha infatti affermato che queste dichiarazioni sono false mentre i rappresentati di Gal Gadot non hanno né smentito né confermato la notizia. "Non possono fare un film che ruota tutto sulle donne con un produttore accusato di averne molestate".

Il potere contrattuale della Gadot è forte, ma comunque la Warner Bros. ha già dichiarato in precedenza che sta rescindendo ogni legame lavorativo con Ratner, che, a sua volta, ha comunicato il proprio allontanamento dai progetti dello studio cinematografico.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE