Playoff Mondiali: Italia brutta e sfortunata, la Svezia vince 1-0

Rufina Vignone
Novembre 11, 2017

Vince la Svezia, sicuramente con merito, non perché sia una squadra di stelle, ma solo perché ha cuore e anima. Al ritorno Verratti non ci sarà, può essere un male ma al contempo anche un bene: un male, ovviamente, perché questa Nazionale non ha, ma ha bisogno di uomini di qualità e Marco è uno di questi, insieme ad Insigne che anche lui è chiamato al riscatto, un bene perché nell'ideale 4-3-3 che Ventura potrebbe mandare in campo a San Siro Lunedì sera avrebbe ricoperto ancora il ruolo di mezz'ala mettendolo ancora in difficoltà ma mandando in crisi anche la squadra chiamata ad una partita d'attacco e quindi fatta da ritmi decisamente più alti rispetto a quelli di ieri sera.

L'Italia è restata a guardare, schiacciata dalle sue stesse responsabilità, con il ct Ventura sconsolato a urlare in panchina. Anche l'arbitraggio non mi è piaciuto.

Così come sfortunata è stata quella deviazione beffarda che ha permesso ai svedesi di segnare del momento in cui gli azzurri stavano fornendo la migliore prestazione dell'intera partita. Per gli azzurri due sole occasioni, dopo un paio di minuti un'incornata di Belotti, finita fuori di un soffio a portiere avversario battuto, poi nella ripresa un palo clamoroso di Darmian, con gli azzurri poco reattivi sul pallone rimbalzato a centro area.

Di quell' Italia sono rimasti soltanto Buffon, Barzagli e De Rossi, ultimi residui di un sogno che rischia concretamente di svanire, e di trasformarsi in un incubo: tale sarebbe, infatti, la prospettiva di non mettere piede in terra russa, fallendo un appuntamento mondiale come non succedeva dal 1958.

Abbiamo fatto fare alla Svezia quello che voleva, siamo caduti nella loro trappola, loro ci volevano provocare e far scattare i nervi e così hanno fatto. Sicuramente non basterà l'Italia vista a Solna. Quando la fase finale, ironia della sorte, si giocò proprio in Svezia. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE