Italia sconfitta dalla Svezia, mister Pochesci: "Non meniamo più, siamo diventati Pariolini"

Rufina Vignone
Novembre 11, 2017

Oltre che una squadra di profughi, ci siamo fatti pure picchiare e adesso rischiamo di andare a casa.Se mettevamo una squadra di serie C contro la Svezia vincevamo. No giochiamo sempre per vincere, la piazza ci sostiene, anche se il calendario dice che siamo ultimi ce la siamo giocata alla pari con quasi tutte le squadre. Gia', ma dove sono i difensori che marcano? Una volta l'Italia menava e vinceva, ora si fa menare e piange. Fate i bravi, voglio bene a tutti ma se scrivete cazzate comincio a tagliare le teste. A portare tutti gli stranieri in Italia è successo questo, non c'è più un italiano che mena. Stiamo andando fuori dal Mondiale, perdiamo tutti, eh: perdete voi giornalisti, perdiamo noi addetti ai lavori, perde l'Italia. [?] Il calcio italiano è finito: paleolini! "Non si può giocare con la paura, se vedo la mia squadra che gioca con la paura io me ne vado e ci metto un altro più coraggioso perché sono stato io che gli ho trasmesso paura". Usciamo da questo Mondiale per paura. E ancora: "Dobbiamo cambiare le regole, svegliarci". Ecco il risultato di aver portato troppi stranieri nel nostro campionato, anche nei settori giovanili. Il calcio è fatto dagli italiani, questo è il campionato italiano, sennò andiamo a fare il campionato europeo e mondiale. Oh, ma andassero a prendere gli italiani nei campionati di Serie D e Serie e dategli l'opportunità. Di Lega Pro. Quando c'è paura che succede? Ho sbagliato ad insistere nel mio gioco: se guardiamo bene, sono più le partite che attaccavamo rispetto a quelle in cui subivamo, però noi sbagliavamo 7 palle gol su 10, e prendevamo gol alla prima occasione avversaria. "Con la Svezia avrebbe vinto una squadra di Lega Pro, proprio una squadra di pariolini".

Ma questi ora ci fanno stare fino a lunedì con questo pensiero che usciamo fuori dal Mondiale?

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE