EA annuncia l'imminente acquisizione di Respawn Entertainment. Confermato un nuovo Titanfall

Geronimo Vena
Novembre 10, 2017

Eletronic Arts ha annunciato l'acquisizione di Respawn Entertainment per un totale di 151 milioni di dollari in contanti e 164 milioni di dollari sotto forma di restricted stock units di Respawn.

"Abbiamo toccato con mano l'abilità di Respawn come studio di sviluppo con un'incredibile visione, profondo talento e mentalità creativa" ha dichiarato Andrew Wilson, CEO di Electronic Arts. La nostra partnership di vecchia data si basa sul desiderio di spingersi oltre i limiti e realizzare esperienze nuove, innovative e straordinarie per i giocatori di tutto il mondo. "Insieme abbiamo portato in vita questo concetto con il franchise di Titanfall, e ora che il team di Respawn si unisce a quello di EA abbiamo dei piani davvero entusiasmanti per il futuro".

Come detto in precedenza, lo studio ora sta lavorando a tre nuovi progetti, tra cui un nuovo Titanfall e un gioco ambientato nell'universo di Star Wars, di cui speriamo di saperne di più nei prossimi mesi.

"Abbiamo fondato Respawn con l'obiettivo di creare uno studio con alcuni dei migliori talenti dell'industria per essere uno sviluppatore top di giochi innovativi". Sentivamo che questo è il momento giusto per unirsi a un leader dell'industria che ci garantisce risorse e supporto di cui abbiamo bisogno per il successo nel lungo termine, mantenendo comunque la nostra cultura e la nostra libertà creativa.

Dopo aver completato Star Wars, Respawn potrà dedicarsi a pieno regime su Titanfall 3, con la produzione che partirà verosimilmente nel 2019: ancora una volta, se l'azienda dovesse ripetere il miracolo di Titanfall 2, non è da escludere l'uscita del terzo episodio nel 2021, mentre sembra più plausibile il lancio entro l'autunno del 2022. EA è stato un grande partner negli anni di Titanfall e Titanfall 2, e siamo davvero entusiasti di unire le nostre forze.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE