Auto elettriche, previsto un boom: nel 2040 saranno 150 milioni

Paterniano Del Favero
Novembre 9, 2017

Ma il vero salto di qualità non è tanto e soltanto nella quantità, ma in quello che le colonnine di ricarica potranno fare. Nei giorni scorsi, inoltre, Enel ha rilevato la società californiana eMotorWerks che consentirà di utilizzare le soluzioni collegate alla tecnologia Vehicle-to-Grid (V2G), che in cambio della messa a disposizione delle batterie dei veicoli per la stabilizzazione della rete garantiscono vantaggi economici per i clienti. L'autodromo di Vallelunga, dove viene presentato il piano, diventerà il primo polo tecnologico di Enel in tutta Italia per la ricerca sulla mobilità elettrica. Le colonnine saranno accessibili attraverso diverse modalità di ricarica dalla card EnelDrive alla app E-go Ricarica. Circa l'80 per cento dei punti di ricarica verrà installato nelle zone cittadine, di cui il 21 per cento nelle grandi aree metropolitane e il 57 per cento nelle altre città, e il restante 20 per cento circa a copertura nazionale, per garantire gli spostamenti di medio e lungo raggio, nelle zone extraurbane e nelle autostrade. TotalErg, con la sua rete di punti vendita diffusa su tutto il territorio nazionale, è particolarmente attenta non solo alle possibili proposte di soluzioni offerte dall'evoluzione tecnologica, ma anche alle scelte degli utenti per soddisfare la loro necessità di muoversi. Tra queste ultime rientrano le stazioni di ricarica del progetto EVA+ (Electric Vehicles Arteries), co-finanziato dalla Commissione Europea, che prevede l'installazione, in tre anni, di 180 punti di ricarica lungo le tratte extraurbane italiane. Nel capoluogo toscano verranno installati 19 punti di ricarica che serviranno sia il traffico urbano che extraurbano.

L'auto elettrica "è una grande innovazione assolutamente essenziale per sviluppo della nostra posizione futura" ha dichiarato l'ad dell'Enel, Francesco Starace aggiungendo che "la nostra parte del compito è dotare l'Italia e i Paesi in cui siamo di una infrastruttura di ricariche pubbliche e private tale da permettere ai proprietari di un'auto elettrica di avere una vita normale e di divertirsi". E ancora: test di servizi per la mobilità sostenibile quali sistemi di pagamento e di controllo di accesso alle infrastrutture di ricarica, e-car sharing; lo sfruttamento delle competenze di Aci Vallelunga sul tema della sicurezza stradale con corsi di guida sicura specifici per guidatori di veicoli elettrici. Uno scenario che in futuro prevede "150 milioni di veicoli elettrici in circolazione nel 2040, contro gli attuali 1,3 milioni di auto elettriche di oggi, alimentate per il 37% da energie rinnovabili che invece oggi rappresentano il 23%". In Italia entro il 2025 le auto elettriche raggiungeranno il 10 per cento del totale, e in generale su 35 milioni dii vetture circolanti in Italia, 3,5 saranno elettriche o ibride.

Secondo una valutazione di Avvenia, uno dei maggiori player italiani nell'ambito dell'efficienza energetica e della sostenibilità ambientale, "a livello mondiale le auto elettriche stanno segnando una crescita esponenziale".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE