Fiorentina-Roma, Di Francesco: "Domani cambierò ancora. Emerson sarà convocato"

Rufina Vignone
Novembre 4, 2017

Di Francesco, allenatore della Roma, ha parlato in conferenza stampa in vista del match di domani pomeriggio alle 15 al Franchi contro la Fiorentina di Pioli.

Questo mini-ciclo da sosta a sosta si chiuderà con la Fiorentina. In cosa è migliorata la Roma e in cosa deve migliorare?

Sicuramente grande compattezza di squadra. Io vorrei che continuasse così, più che migliorare. Tanta solidità difensiva, ma alcune cose si possono migliorare. Sono soddisfatto ma non mi accontento, la partita di domani è delicata.

"Non significa nulla, al contrario è indice che sono in forma". Non dobbiamo sentirci bravi e l'ho cercato di trasmettere alla squadra. "Domani voglio determinazione come contro il Chelsea". Ci può essere una similitudine?

Per poter essere capitano deve giocare e non deve giocare Daniele, ha avuto qualche problemino, oggi lo valuteremo, ma credo di poterlo recuperare per questa gara. Per caratteristiche tecniche e fisiche no. Stiamo rincorrendo il desiderio di rimanere attaccate alle squadre lì davanti. "Dobbiamo cercare di vincere anche domani". E' stato più difficile convincere la squadra mentalmente che questa fosse la squadra giusta o addestrarla tatticamente?

Se l'allenatore non ha la testa che ci sta a fare? E' fondamentale che uno trasmetta le proprie idee, il proprio pensiero.

La partita con il Napoli è stata di grande insegnamento, più tieni lontano dalla tua porta le grandi squadre e meglio è. Per gran parte della gara il desiderio dei miei calciatori era di andare nella metà campo avversaria. Per fare questo non mi sveglio la mattina e dico 'fai quello', bisogna migliorare determinati meccanismi.

" In passato sì, sono stato vicino alla Fiorentina, quanto non lo so". Su Manolas squalificato con la Grecia non lo so, nel calcio di una volta si sarebbe detto che era meglio, ma non è vero. Dzeko? Sono molto contento di come sta lavorando per la squadra, i gol arriveranno. In attacco Dzeko sicuramente giocherà, devo decidere gli altri. Le aggressioni degli attaccanti diventano fondamentali.

Domani ultima partita prima della sosta, il turnover sarà meno spinto del solito?

A volte cambio meno e altre di più.

La vittoria con il Chelsea ha dato tanto entusiasmo alla Roma e Di Francesco ne è l'esempio. Valuterò. Ci sono delle esigenze dopo partite così dispendiose come quella con il Chelsea, per Firenze farò le mie valutazioni. El Shaarawy? Sono contento delle sue qualità e della sua crescita.

Quando l'ho messo a destra con l'Inter non poteva giocare a destra, ora l'ho messo a destra con il Chelsea ha fatto due gol e ci può giocare alla grande.

"Per me è una mezzala e lo fa con qualità, se dovessi dare delle maglie da 1 a 11 a sinistra per me è un 10".

Non ho detto una cosa, rientrerà per la prima volta tra i convocati Emerson Palmieri. Siamo tutti contenti, ha fatto tutto quello che doveva fare, ed è pronto per venire in panchina.

Sicuramente Edin rigiocherà domani, perché sta bene. "Per la formazione non ho ancora deciso". Anche per me è un 10, ma nel suo ruolo. Ogni allenatore è giusto che abbia la sua visione di ogni calciatore. Magari sta facendo pochi gol ma le occasioni le ha avute. Tornerà a fare i gol e giocate da numero 10.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE