Porta avanti gravidanza con melanoma oculare, lei ed il feto sono salvi

Barsaba Taglieri
Ottobre 24, 2017

Si tratta di una giovane donna al sesto mese di gravidanza, affetta da un gravissimo e rarissimo melanoma oculare. Assai importante si è rivelata la collaborazione con tutte le specializzazioni che hanno reso possibile l'intervento, condotto nella massima garanzia di proseguire in modo sicuro la gravidanza.

La paziente, 28 anni e alla 28^ settimana di gravidanza, è stata sottoposta a un intervento di enucleazione dell'occhio sinistro, perché affetta da un tumore molto raro di uno dei componenti dell'occhio stesso (coroide/uvea). Questo tipo di melanoma colpisce, in media, in questa sede e nelle donne in gravidanza meno dello 0,4% delle pazienti.

Da quest'ultimo ospedale la paziente era stata inviata ad un oncologo oculare svizzero di fama internazionale. L'intervento eseguito al Centro Traumatologico Ortopedico (CTO) di Torino è stato coordinato dal dottor Luciano Arturi, responsabile del servizio di Chirurgia Orbito-palpebrale. Il successo grazie alla collaborazione, per la prima volta, tra la Città della Salute e l'Oftalmico di Torino, che ha visto impegnate sul caso numerose specialità. Non potendo peraltro garantire la possibilità di preservare funzione visiva e volume dell'occhio affetto, con il rischio aggiuntivo di aumento delle possibili metastasi a distanza. La giovane non si è persa d'animo e dopo essere rientrata in Italia, l'Oftalmico ha affidato il proseguimento cure alla chirurgia orbito-palpedrale del Cto per la possibilità di una stretta collaborazione con l'attiguo nosocomio ostetrico-ginecologico Sant'Anna.

Al suo rientro i medici del Cto sono riusciti a coordinare una collaborazione multispecialistica con il Servizio di gravidanze a rischio del Sant'Anna, la Radiodiagnostica universitaria delle Molinette, l'Anestesia e Rianimazione del CTO.

Per di più, grazie alla particolare tecnica chirurgica cui si è ricorsi, entro un mese dall'intervento la paziente potrà indossare una protesi oculare che renderà praticamente indistinguibile l'orbita sottoposta ad intervento rispetto a quella del lato 'sano'.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE