Incidente a Riccione, muore 24enne

Bruno Cirelli
Ottobre 23, 2017

Filma la morte di un uomo in diretta facebookUn ragazzo di 24 anni è stato filmato mentre moriva a seguito di un incidente stradale da Andrea Speziali, ventinovenne che ha postato la scena su fb.

L'incidente. Ancora non sono chiare le cause dell'incidente. Forse un giramento di testa, o forse una distrazione. Un impatto violento che non ha lasciato scampo al 24enne rimasto incosciente sull'asfalto. E quando sul posto, insieme agli agenti della Polizia stradale, sono giunti i soccorsi del 118 con ambulanza e auto medicalizzata, non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. È successo a Riccione (Rimini), dove nella notte tra sabato e domenica è morto in viale Veneto un ragazzo di 24 anni, Simone Ugolini, dopo un schianto in motorino contro un albero.

Ovviamente il 29enne è stato bersaglio di moltissime critiche sui social, in primis da parte di chi gli faceva notare che c'era una persona agonizzante in mezzo alla strada. Simone è per terra, non si muove, non può difendersi da quella morbosa curiosità, da quello scempio. Al punto che anche la rete, affamata di contenuti realistici e immediati, si è rivoltata: gli hanno dato dello sciacallo, lo hanno insultato, criticato e disprezzato, mentre lui, imperterrito, continuava a raccontare in diretta quanto stava avvenendo. E ancora: "C'è molto sangue, speriamo che si salvi". L'autore del video, come riportano quotidiani locali, si chiama Andrea Speziali, ha 29 anni, esperto d'arte e candidato alle ultime elezioni comunali.

Andrea Speziali, contattato dalle forze dell'ordine dopo qualche ora, si dice essere pentito, ma sottolinea che ha filmato in diretta facebook per aiutare il ragazzo in difficoltà. "Non cercavo lo scoop ora ho capito di aver sbagliato e chiedo scusa a tutti".

Le ipotesi di reato sono molteplici e vanno dal procurato allarme, alla diffamazione degli operatori del soccorso, fino alla violazione della privacy dei signori Ugolini, parenti della vittima.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE