Gentiloni: i prossimi 15 mesi saranno decisivi per l'Europa

Bruno Cirelli
Ottobre 18, 2017

"Abbiamo davanti 15-16 mesi che possono rivelarsi decisivi se si colgono alcune opportunità" per il futuro dell'Ue. "Non vogliamo che il nostro Paese si contrapponga all'Europa". Non possiamo permetterci di passare da una sorta di tempesta perfetta, che sembrava avere investito l'Ue nel 2015-16, alle occasioni perdute che potrebbero caratterizzare il 2017-2018.

Rendendo le comunicazioni alla Camera in vista del Consiglio europeo di domani e venerdì, il presidente del Consiglio ha sottolineato che "l'Italia è dalla parte di chi chiede più Europa e non di chi all'Europa si contrappone". "Si tratta di un capitolo fondamentale in cui il paese deve presentarsi unito e forte".

L'opinione di Gentiloni è che l'Italia si presenta "al dibattito sulle questioni migratorie come un paese orgoglioso di dare il buon esempio e di mostrare i risultati di quello che abbiamo portato avanti. L'Italia è stato il paese più impegnato nel salvataggio delle vite umane in mare: come ha detto Junker l'Italia ha salvato l'onore dell'Europa".

La stessa Brexit, pur nel "rispetto verso la decisione democratica", "non ha avuto le conseguenze magnifiche e spettacolari promesse" e il Regno Unito si trova in un "contesto di innegabile e maggiore difficoltà", ha aggiunto. Senza questa premessa sarebbe "difficile avere atteggiamento costruttivo nel corso della discussione" sull'uscita del Regno Unito dall'Ue.

"Si faranno dei in passi avanti in merito alla richiesta italiana e francese relativa alla web tax".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE