Scadenza brevetti farmaci, Cialis e altri medicinali diventano low-cost

Barsaba Taglieri
Ottobre 16, 2017

A quanto pare, il farmaco che dovrebbe aiutare nelle prestazioni sessuali l'uomo, è il più venduto tra quelli di fascia C, con 146 milioni di euro l'anno incassati. Ma sono ben 13 i farmaci che vedono scadere il brevetto nei prossimi mesi. Il che porta, naturalmente, alla discesa del prezzo.

La lista completa contiene 13 farmaci molto importanti per i pazienti: medicinali contro l'ipertensione, contro il colesterolo, contro l'osteo-artrosi, contro l'ipertrofia prostatica benigna, altri medicinali molto costosi dispensati solo in ospedale. Con l'ingresso sul mercato dei generici, i prezzi potrebbero scendere addirittura del 60 per cento per un risparmio di 600 milioni di euro circa. Il 12 novembre diventeranno generici i dosaggi del principio attivo tadalafil da 10 e 20 milligrammi ed è probabile che vi sarà un ulteriore boom delle vendite, come successo nel 2013, quando uscirono i generici del sildenafil, cioè il principio attivo del Viagra. Cosa che consentirà alle case farmaceutiche di mettere sul mercato il farmaco generico equivalente. Il Crestor, ossia la rosuvastatina, potrà essere venduto da qualunque azienda farmaceutica dal prossimo 30 dicembre.

Al secondo posto nella classifica degli incassi c'è il Crestor, usatissimo per abbattere il colesterolo. Il Crestor costa all'Italia 270 milioni all'anno a causa dell'esclusiva del brevetto. Ci sono già una mezza dozzina di aziende che hanno cheisto di poter fare il farmaco generico; anche se non tutte le richieste verranno accolte. Tuttavia i dati Assogenerici degli anni passati dimostrano che i cosiddetti originator, vale a dire i medicinali di marca, spesso conservano la leadership di mercato.

Una possibilità di risparmiare che, però, gli italiani non sfruttano a pieno.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE