Rinascente, apre a Roma il megastore da 250 milioni di euro

Bruno Cirelli
Ottobre 12, 2017

La nuova Rinascente sarà ospitata in uno splendido palazzo in via del Tritone protagonista di 11 anni di accurati lavori di ristrutturazione che hanno valorizzato e preservato l'inestimabile ricchezza custodita in un palazzo che affonda radici nella storia stessa della Capitale.

"E stato un grande progetto - ha affermato Luigi Maggioni, amministratore delegato di thyssenkrupp Elevator Italia - che ci ha coinvolto per circa 1 anno e ci ha visti impegnati anche nelle ore notturne, per integrare al meglio i nostri impianti nei delicatissimi resti romani dell Acquedotto Vergine, inaugurato da Augusto nel 19 a.C.".

Un investimento mastodontico: 200 milioni da Central Group, società thailandese proprietaria di Rinascente, più altri 50 spesi dai brand per i loro negozi. Lo store incorpora inoltre un piccolo edificio dei primi del '900 denominato 'Palazzetto', che su diversi piani diventa parte integrante dell'architettura. La facciata su via del Tritone comprende 96 finestre e sette vetrine ed è stata ridisegnata da Vincent Van Duysen.

Al primo piano effluvi e fragranze avvolgono i clienti in un piano dove si respira seduzione, qui di casa sono i profumi più raffinati e gli accessori di intimo femminile. Secondo e terzo piano disegnati dall'architetto Paolo Lucchetta sono dedicati alle collezioni maschili.

Si parte dal sottosuolo con l'esperienza unica di poter ammirare il sito archeologico con le rovine dell'Acquedotto Vergine, qui gli architetti Claudio Silvestrin e Giuliana Salmaso sono riusciti a fondere le linee moderne del Design Supermarket e della Tax Free Lounge alle linee estetiche antiche dell'acquedotto che ancora è funzionante e rifornisce d'acqua le principali fontane della città. Al sesto piano due terrazze sono per il food e le sue proposte ristorative. Ma non vogliamo mettere soggezione è chiaro che per noi il cliente che spende un euro per una penna è come quello che spende 15mila euro per una borsa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE