Asia Argento furibonda su Twitter: "Insultata per aver denunciato uno stupro"

Ausiliatrice Cristiano
Ottobre 12, 2017

Contro il magnate Harvey Weinstein si erano già scagliate diverse star di Hollywood del calibro di Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie, che lo accusano di molestie sessuali che sarebbero avvenute quando erano due giovani attrici. "Monkey", un film distribuito da Miramax. Ci sono Mira Sorvino, la cantante Lucia Evans e Asia Argento.

Mi ha chiesto di fargli un massaggio. La festa di fatto non c'era è lei trovatasi in una stanza con lui già in vestaglia fu costretta a massaggiarlo e a un rapporto sessuale. Mi aveva detto che era un party della Miramax. Pare che l'Argento sia stata abusata dal produttore e non sarebbe riuscita a dire di no, poiché si sentiva debole e in pericolo di fronte all'uomo. "Ma non l'ho fatto e ho pensato fosse colpa mia". Ma non l'ho fatto.

Weinstein si è allontanato, per poi tornare con indosso solo una vestaglia. "No cara non ci credo non ne avevi bisogno hai talento per poter rifiutare", ha puntualizzato Luxuria; "Il film, girato un anno e mezzo dopo la violenza sessuale denunciava il trauma che ho vissuto nei minimi dettagli", ha dunque spiegato Asia Argento facendo riferimento al film "Scarlet Diva" del 2000, di cui lei stessa era regista e che racconta lo stupro subito. Nel corso di un'indagine durata dieci mesi, sono state raccolte testimonianze di tredici donne che, tra gli anni '90 e il 2015, Weinstein ha molestato o aggredito sessualmente, accuse che corroborano e si sovrappongono alle rivelazioni del Times e si uniscono a delle denunce ancor più gravi. Esattamente quello che è accaduto nella realtà.

Argento ricorda quindi di aver poi frequentato per anni il produttore, avendo con lui anche rapporti consensuali: "Sembrava ossessionato da me, mi faceva molti regali costosi". Sono passati 20 anni da quella storia e se non l'ho fatta uscire prima è perché avevo paura.

La società di produzione di Weinstein ha prodotto alcuni dei capolavori indiscussi del cinema degli ultimi trent'anni, da "Sesso, Bugie e Videotape" al "Discorso del Re" passando per "Pulp Fiction". "Con 20 anni di ritardo però", ha concluso l'opinionista sottolineando come l'attrice 42enne abbia tratto dei benefici dalla sua frequentazione con Weinstein. Argento ha deciso quindi di replicare amaramente, dovendo constatare che solo dall'Italia sono arrivate parole così dure.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE