Sarah Scazzi, la Cassazione: "Sabrina fredda pianificatrice, nessuno sconto"

Barsaba Taglieri
Ottobre 11, 2017

Queste le motivazioni con cui la Cassazione ha negato lo sconto di pena a Sabrina Misseri, condannata all'ergastolo assieme a sua madre Cosima Serrano per l'omicidio della cugina Sarah Scazzi. Il 26 agosto 2010, a Avetrana (provincia di Taranto), venne brutalmente uccisa Sarah Scazzi, ragazza di appena 15 anni.

I giudici hanno riscontrato nel comportamento di Sabrina una "fredda pianificazione d'una strategia finalizzata, attraverso comportamenti spregiudicati, obliqui e fuorvianti, al conseguimento dell'impunità", si legge nei motivi della sentenza. Così la Cassazione nelle motivazioni di conferma delel condanne. Le "uniche due persone presenti in casa", rileva la Cassazione, erano Sabrina Misseri e Cosima Serrano.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE