Catanzaro, Dionigi si presenta: "Questa è una grande occasione per me"

Rufina Vignone
Ottobre 9, 2017

Decisamente più sintetico e mirato il discorso di Dionigi che dopo i ringraziamenti di rito alla società, ha lasciato intendere quale sarà il suo approccio a questa nuova avventura in giallorosso.

L'amatissimo ex amaranto, debutterà al Ceravolo proprio contro il Matera, ultima squadra da lui allenata poco prima che il patron dei lucani, Palummella, optasse per l'esonero del tecnico emiliano dopo appena 5 giornate. Non mi piace parlare di chi c'era prima di me.

Davide Dionigi riparte, quindi, dal Catanzaro, porterà con sé idee di gioco innovative e quella specialità dei calci piazzati che soprattutto a Taranto e Reggio Calabria gli ha fatto guadagnare tantissimi punti.

LAVORO SUL CAMPO...L'idea di gioco va inculcata nei giocatori non solo dal punto di vista delle giocate e dell'atteggiamento, ma anche sotto il profilo di una condizione atletica. Da quello che ho visto da fuori stuzzica riuscire a cambiare le cose. A volte si riesce da subito a cambiare, a volte ci vuole tempo. Quando si subentra sono tante le cose da valutare, non è come quando si costruisce una squadra dall'inizio. Bisogna assemblare le caratteristiche, ma mi dà la possibilità di giocare con le tre punte. "L'importante è che i principi di gioco restino fissi anche quando si cambierà sistema". Il Catanzaro ha individualità importanti, serve il connubio tra individualità tecniche, mentali e fisiche. Conosco Letizia e Falcone che ho allenato, ho giocato con Nordi ed Infantino mentre ero sul viale del tramonto.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE