Sciopero giudici di pace da oggi: protesta contro riforma Orlando

Paterniano Del Favero
Ottobre 4, 2017

Non è la prima volta che queste figure professionali scendono in campo per manifestazione di protesta di questa tipo (LEGGI ARTICOLO), alla quale fa riferimento la foto, e prima ancora a novembre (LEGGI ARTICOLO) Rovigo - Tre su tre a Rovigo, 10 su 10 a Padova, sette su sette a Vicenza, sei su sette a Venezia, due su due a San Donà di Piave, tre su tre a Belluno, due su due a Bassano, due su quattro a Treviso, zero su quattro a Verona.

GIUDICI DI PACEVENEZIA Giudici di pace e magistrati onorari di tribunali e procure nuovamente in sciopero. Da tempo i magistrati onorari, giudici di pace in primis, lamentano la mancanza di un rapporto di lavoro continuativo, di previdenza, malattia e istituti similari.

La riforma, secondo questa impostazione, peggiorerebbe ancora di più la situazione economica e lavorativa dei giudici di pace.

Lo stato di agitazione dura da quasi un anno e si stima che siano coinvolti dall'astensione dei giudici circa mezzo milione di processi. Con il decreto dello scorso 17 luglio 2017, il Governo, infatti, ha dato attuazione alla riforma della magistratura onoraria cercando di ristabilire il principio della temporaneità dell'incarico di magistrato onorario.

Il motivo riguardo la disapprovazione nei confronti della riforma voluta dal ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Secondo la nuova normativa l'incarico di ciascun magistrato sarà svolto solo part-time, con la previsione che ciascun giudice dovrà dedicare all'attività due giorni alla settimana, considerati non solo come presenza in udienza ma complessivamente come studio della questione, predisposizione del fascicolo, redazione dei provvedimenti e delle sentenze ecc. Tuttavia, se da un lato vi è una riduzione dell'orario di lavoro e del relativo stipendio, dall'altro lato sono state ampliate le competenze e le attribuzioni dei giudici onorari.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE