Netanyahu stronca la pax palestinese: "Inaccettabile se non disarmano Hamas"

Bruno Cirelli
Ottobre 4, 2017

"Non siamo disposti a pagare le spese di questa riconciliazione immaginaria", commenta.

Durante una cerimonia in onore del primo ministro palestinese, Rami Hamdallah, e della delegazione egiziana a Gaza, Haniyah ha spiegato che Hamas non ha accettato la riconciliazione sotto pressione, ma che tale decisione è giunta dal sincero desiderio di difendere la causa palestinese. Decisiva la mediazione dell'Egitto, che ha portato Hamas a cedere alla richieste del partito del presidente palestinese Abu Mazen. "Aggiungeremo qua migliaia di alloggi" ha detto, secondo la radio dei coloni Canale 7. In quell'insediamento risiedono oggi circa 40 mila abitanti.

A Gaza, intanto, Hamdallah annunciava: "Siamo qui per voltare la pagina della divisione e restituire al progetto nazionale il suo giusto obiettivo, che è la creazione di uno Stato" palestinese. La più "esplosiva" riguarda lo scioglimento delle Brigate Ezzedin al-Qassam, il braccio militare di Hamas, e il loro parziale riassorbimento nelle fila degli apparati di sicurezza dell'Anp.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE