"Io ci sto", la verità sul video della filiale Intesa San Paolo

Paterniano Del Favero
Ottobre 4, 2017

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Un contest interno per il miglior video motivazionale.

È inutile che facciamo finta di niente: lo spot della filiale di Castiglione delle Stiviere di Intesa San Paolo l'abbiamo visto tutti e ripostato, scherzosamente, sulle bacheche di centinaia di amici e conoscenti.

A farne le spese sono i dipendenti, che hanno solo partecipato ad un'iniziativa proposta dall'azienda.

Il secondo invece non ha espliciti riferimenti a Intesa San Paolo, ma già dal titolo "Bancarius karma" (parodia della canzone "Occidentali's karma" di Francesco Gabbani, vincitore dell'ultimo Festival di Sanremo) si capisce immediatamente la provenienza, confermata anche dalla banca.

Del video ne ho parlato io stesso in questa occasione, sottolineando il suo essere genuino, allegro e spontaneo, caratteristiche che in molti sul web hanno preso decisamente troppo sul serio, specificando quanto i suoi protagonisti siano macchiettistici e inconsapevoli del loro essere "ridicoli".

Leggendo di qua e di là si scopre che il video della filiale Intesa San Paolo è stato "trafugato". E' stato inizialmente caricato su Facebook e successivamente su Youtube.

Si chiama WorkHer ed è nata nel 2014 da un'idea di Network Comunicazione, agenzia di comunicazione milanese, e Piano C, primo co-working in italia: "La piattaforma nasce soprattutto dall'esigenza di aiutare le donne a entrare o rientrare nel mondo del lavoro - spiega Chiara Levi, project manager WorkHer.it - considerando che meno del 50% delle donne italiane lavora e sono moltissime quelle che restano senza occupazione dopo una gravidanza". La Lucarelli passa poi all'attacco di chi sta selvaggiamente sfruttando questo video per fare ironia accostando il caso della banca SanPaolo a quello della ragazza napoletana morta suicida in seguito agli insulti ricevuti su Facebook Tiziana Cantone.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE