Usa, nuovo smacco per Trump: i Repubblicani non riescono ad abolire l'Obamacare

Bruno Cirelli
Settembre 26, 2017

Nelle ultime ore, ai no di John McCain e Rand Paul, si è aggiunto quello della senatrice Susan Collins.

Al Senato la speranza dei repubblicani speravano era votare in aula sul testo che sostituisce l'Obamacare entro il 30 settembre, data entro cui sarebbe bastata la maggioranza semplice. E' un intralcio, questo della riforma sanitaria, che arriva in una settimana decisiva per la credibilità dell'amministrazione Trump: è attesa infatti per questa settimana la presentazione della riforma fiscale, sulla quale sono puntati gli occhi del mercato.

Conscio della sconfitta, il presidente Trump ha twittato contro il senatore McCain sostenendo che "Ha completamente invertito la rotta" rispetto a quando l'ex candidato alla presidenza aveva criticato apertamente l'Obamacare (fatto che Trump ha corroborato con alcuni link).

Il progetto di legge per la sanità, messo a punto dai senatori Lindsey Graham e Bill Cassidy, non ha riscosso abbastanza consensi. La Collins ha reso nota la motivazione del suo no, usando la valutazione preliminare del Congressional Budget Office (Cbo), l'organismo bipartisan incaricato di fornire analisi economica congresso.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE