Milan, Bonucci sgrida Immobile: "Non si fa così"

Rufina Vignone
Settembre 12, 2017

Montella ha affermato di aver "dormito poco e male" e ha analizza la debacle della sua squadra dopo una importante serie di risultati utili sia in Europa che in campionato.

"Negli ultimi due mesi abbiamo fatto tantissimi acquisti ed abbiamo ricevuto tantissimi complimenti. Mi sento anche in credito con lui perché quando l'ho incontrato sono stato spesso fortunato". "Voglio vedere fiducia e la fame necessaria per giocare a certi livelli". Questa è stata la più grossa mancanza. Si risolve con il tempo, col lavoro e un pizzico di umiltà in più. Evidentemente tutto ciò ci ha un po' distratto, può essere una cosa fisiologica.

E' a questo punto che Montella prova a rimescolare le carte: fuori Cutrone e Borini per Kalinic e Calhanoglu, gol sfiorato con Musacchio, poi fuori anche Suso per Bonaventura, ma il copione non cambia più. "Il risultato ci penalizza, significa che dovremo lavorare ancora di più".

Un confronto costruttivo e diretto quello tra squadra e allenatore, con Montella che ha annunciato al gruppo che a partire dalla gara di giovedì contro l'Austria Vienna - l'esordio del Milan in Europa League - verrà utilizzato il 3-5-2 come modulo tattico.

Sono in molti a chiedersi se, con il ritorno di Romagnoli, il Milan potrà passare alla difesa a tre: "Quando si perde è giusto fare delle analisi e tutti avremmo potuto fare di più". Dobbiamo imparare a essere polivalenti, a cambiare anche in corsa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE