Moto Gp, Rossi: "Rientrare a Aragon sarà dura ma ci provo"

Rufina Vignone
Settembre 10, 2017

La gara sul circuito di Aragon è in programma il 24 settembre.

"È un vero peccato non poter essere presente al mio Gran Premio di casa - scrive il Dottore -".

Gli alberghi con disponibilità erano ieri oltre un centinaio mentre chi di solito ospitava tifosi e appassionati vedeva qualche camera libera in più. Ho iniziato a lavorare subito per il recupero.

Oggi a Tavullia Guido Meda ha incontrato il 9 volte campione del mondo, che ha parlato anche dei tempi di rientro e delle modalità dell'incidente. "Bisogna vedere come la gamba reagisce al lavoro, se possiamo spingere, muoverla e se si gonfia". "Eravamo in una discesa abbastanza ripida, stavamo andando giù piano sulle pedane in seconda, solo che c'era uno scalino roccioso".

"Mancavano quattrocento metri e il giro era finito". "Dipende molto da come sta la gamba".

"Nel 2010 l'incidente mi ha tenuto fuori 44 giorni, facendo i calcoli quindi se dovessi seguire lo stesso iter dovrei rientrare in Giappone". Aragon è molto prima, perché sarebbe tipo tre settimane dopo l'incidente, quindi sarà veramente difficile.

Una stupidata, con il senno di poi? Qui corro da quando avevo 18 anni e non è successo mai niente. "Sono due cose distinte, con la Yamaha ho vinto e ho un grande affetto per loro, ma sono anche italiano e Dovizioso corre su una moto italiana. Ora mi allenerò con la Playstation". Siamo in tanti qui a vedere la gara e ci sono pure i tortellini. "Certo! Ovviamente mi mancherebbe Vale, ma ci andrei lo stesso". Ero ansioso di poter gareggiare davanti ai miei tifosi perché a Misano c'è sempre una atmosfera speciale. "Dovizioso, Marquez e Vinales sono i principali favoriti, ma anche Pedrosa e Lorenzo vanno forte qui". "Guardo la tele, i film, le serie. Mi sento un po' come quando ti sospendono da scuola con l'obbligo di frequenza, non guido la moto ma devo fare tutto il resto, anche le cose noiose..." La gara? La vedrò qui a casa con gli amici.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE