Vaccini, Salvini: 'Bene Zaia, no a obblighi sovietici'

Paterniano Del Favero
Settembre 6, 2017

Zaia sta ricevendo le lodi di tante associazioni: "vaccinarsi deve essere una libera scelta, non un obbligo sovietico". Ci siamo da anni impegnati per superare la Legge Regionale n.7 del 23/03/2007 che ha eliminato, improvvidamente, le vaccinazioni obbligatorie in Veneto. Dieci vaccini non esistono in alcun paese europeo, in quindici paesi europei non esiste nemmeno un vaccino obbligatorio. E' l'appello lanciato a Luca Zaia da parte dei due capigruppo azzurri di Camera e Senato, Paolo Romani e Renato Brunetta.

Troviamo tra l'altro un controsenso la posizione del Governatore in quanto il Veneto attua giustamente importanti e costose politiche sanitarie di prevenzione stimolando le famiglie a vaccinare i propri figli. "È una battaglia di libertà e di cura fondata sulla cultura e la modernità", ha aggiunto. "Non siamo untori, siamo amministratori attenti al miglior modo per raggiungere il risultato, e la copertura garantita in Veneto dimostra che lo si raggiunge non con la coercizione, ma con l'informazione e la collaborazione con i genitori".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE