Siria: Mosca, a Deir ez-Zor Isis ha distrutto infrastrutture

Paterniano Del Favero
Settembre 6, 2017

Le divisioni siriane con il supporto aero-navale russo bucano l'ultima difesa dell'ISIS nella città di Deir Ez Zor, missili balistici partiti dalle fregate russe nel mediterraneo hanno aperto la strada alle divisioni terrestri siriane e alle forze speciali, le Tiger Forces, del Generale Suheil Al-Hassan ad appena 3 kilometri dal centro abitato della Siria Orientale.

Intanto nelle strade di Deir Ez Zor si intonano inni patriottici e si inneggia ai soldati, i liberatori della città assediata da 4 anni dall'ISIS. Le truppe governative sembrano ormai aver già vinto questa battaglia dopo la conquista della zona strategica di Majbal al Asfalat, nella parte occidentale della provincia, a seguito di una violenta battaglia con lo Stato islamico. Mosca rende noto che i propri cacciabombardieri hanno effettuato più di 80 sortite per sostenere l'offensiva. "Ritirandosi, i terroristi si sono lasciati dietro quattro pick-up con le armi, molte armi e munizioni, oltre 100 "cinture della morte", ovvero ordigni esplosivi, mine e bombe costruite con elementi fuori dal comune" ha detto il ministero della Difesa, aggiungendo che il luogo è stato sminato.

Secondo i dati dei militari, le roccaforti, le reti di tunnel sotterranei erano stati creati per l'utilizzo di un sistema di difesa di fuoco composto da carri armati, artiglieria e mortai. A riferirlo è stata l'agenzia di stampa Reuters, che cita fonti del ministero della Difesa russo. Inoltre più di duecento militanti sono stati uccisi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE