In crisi la produzione della vaniglia: trema il mercato del gelato

Paterniano Del Favero
Agosto 23, 2017

La distruzione portata da Enawo si è riflessa anche sulle piantagioni.

Un ciclone si abbatte sul Madagascar e il mercato del gelato artigianale trema, con i prezzi della vaniglia decuplicati e molti produttori che l'hanno rimossa dai loro menù.

Il Madagascar è il maggiore produttore al mondo di vaniglia e il ciclone che ha messo in difficoltà le piantagioni, causando una carenza di vaniglia, uno dei gusti più popolari al mondo. Un rialzo che i produttori hanno scaricato sui consumatori. Nestlé ha annunciato che utilizzerà un mix differente di approvvigionamento, taglierà alcune spese e, se tutto ciò non dovesse servire, aumenterà i prezzi. La situazione ha addirittura spinto la catena di gelaterie londinese Oddono a ritirare la vaniglia dal menù. "Adesso i contadini e produttori di vaniglia del Madagascar - ha spiegato Tim McCollum, il fondatore di Madécasse Chocolate & Vanilla, al prestigioso Financial Times - possono permettersi di costruire case fatte di mattoni e non di palme, e di far studiare i figli fino al college".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE