Var, Rosetti: "È l'alba di un nuovo giorno. Tempi da perfezionare"

Paterniano Del Favero
Agosto 21, 2017

"Ci sono state anche alcune situazioni in cui il Var ha controllato l'esatta decisione del direttore di gara in caso di gol assegnati e poi c'è stato un controllo su una situazione in area di rigore a San Siro per Inter-Fiorentina dove giustamente il Var ha controllato una situazione che aveva presupposti di un errore dell'arbitro, ma giustamente ha determinato che non si trattava di un chiaro errore dell'arbitro".

Nel dopo partita Mihajlovic si sfoga accusando l'inutilità del Var e ha mandato a dire all'ex arbitro Rosetti, attuale coordinatore del progetto Var, che non deve insegnare ai calciatori come si usa il Var ma ai propri arbitri. In pratica sarebbe bastato che ripetesse quanto fatto in un Torino-Milan di qualche anno fa quando, in pieno recupero con i granata avanti per 2-1 e con Larrondo a terra in mezzo al campo con un piede rotto, non fermò mai il gioco, non facendoeffettuare a Ventura la sostituzione del giocatore infortunato neanche quando la palla uscì in fallo laterale. "Se avesse lasciato proseguire l'azione, col VAR avrebbe visto che il nostro goal era regolare". Solo allora l'attaccante argentino poté lasciare il campo ad un compagno. Ci sono state due decisioni arbitrali cambiate correttamente e puntualmente. Il risultato è un'altra figuraccia per l'arbitro e un altro danno procurato al Torino. A Bologna durante la gara dei rossoblù contro il Torino il Var è stato inattivo per 77' causa un guasto tecnico: non ce n'è stato bisogno, ma in tal caso scatterebbe il piano B, la comunicazione via walkie-talkie tra l'arbitro Var e il quarto uomo.

Nella prima giornata il nuovo mezzo video in supporto degli arbitri è stato sollecitato in parecchie occasioni, su quasi tutti i campi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE