Meno donne in hi tech per motivi biologici, bufera su Google

Ausiliatrice Cristiano
Agosto 12, 2017

Inoltre, l'ingegnere di Google licenziato, ha scritto che il gigante della ricerca deve essere più tollerante rispetto ai punti di vista conservatori tra i suoi dipendenti.

Il documento, peraltro, arriva in un momento molto delicato in tutta la Silicon Valley, in cui il trattamento delle donne è stato sotto la lente d'ingrandimento, a causa delle molestie e delle discriminazioni messe in atto da Uber e in diverse importanti società americane.

Dopo la comunicazione di Danielle Brown, da poco più di un mese al servizio di Google in qualità di Vice President of Diversity, Integrity & Governance, è Sundar Pichai a dire la propria, tornato appositamente in California interrompendo una vacanza che lo vedeva impegnato tra Europa e Africa.

Arrivato proprio mentre si discute della cultura maschilista in Silicon Valley, il manifesto ha fatto infuriare le donne (e anche molti uomini) alimentando raffiche di accuse conto "l'idiota che usa argomenti di pseudoscienza per giustificare il sessismo".

Secondo l'autore le attitudini naturali degli uomini li mettono in grado di diventare programmatori migliori.

La tesi di Damore oltretutto è supportata dall'interessante documentario novergese "Brainwashing - The gender equality paradox" (al link sottotitolato in italiano), che in sostanza evidenzia come la parità tra i sessi non ha niente a che vedere con la parità di genere, che appunto rimane solo una teoria. Secondo l'ingegnere, Google non dovrebbe sviluppare programmi di inclusione sociale.

Le parole di Damore hanno evidenziato divisioni all'interno di Google, che si era schierata con Hillary Clinton durante la campagna elettorale adottando anche posizioni liberal su molti temi.

Per tutta risposta Google non sembra aver accettato quanto scritto nel manifesto. Tuttavia esiste un Codice di Condotta che va rispettato e, nonostante i contenuti del documento incriminato possano essere oggetto di approfondimenti e dibattiti, in questo caso si è oltrepassato il limite "etico", ritenendo il memorandum "contrario ai nostri valori di base ed al nostro Codice di Condotta".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE