Acquisti online, l'Ue: "Consumatori raddoppiati in dieci anni"

Bruno Cirelli
Luglio 26, 2017

Un numero sempre maggiore di consumatori dell'UE effettua acquisti online. L'Italia, però, non si distingue per i risultati: nel Belpaese solo il 29% dei cittadini fa shopping sul web, dato che colloca il paese al 26esimo posto su scala europea, prima soltanto di Bulgaria e Romania.

La sfida, a livello europeo, è incoraggiare altre aziende a far fronte alla domanda crescente, in quanto dall'analisi risulta che i consumatori incontrino ancora ostacoli quando tentano di acquistare online da dettaglianti che si trovano in uno Stato diverso.

Per esempio, per il 13% il pagamento è stato rifiutato, il 10% ha dichiarato di essersi visto negare la consegna. Questo è quanto emerge da un'indagine della Commissione Europea. Rispetto all'edizione 2015 del Quadro di valutazione, i consumatori "sono più consapevoli dei loro diritti" (tutele, pagamenti, rimborsi...). Tuttavia, le condizioni dei consumatori sono generalmente migliori nei paesi dell'Europa settentrionale e occidentale rispetto a quelle orientali e meridionali. Anche l'esposizione alle pratiche commerciali sleali varia considerevolmente, andando dal 40,9% in Croazia al 3,4% in Austria.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE