Uomo ferito da un orso nel tardo pomeriggio sopra Lamar

Bruno Cirelli
Luglio 23, 2017

L'uomo, un idraulico 69enne di Cadine, stava facendo un'escursione nei boschi di Predera, nei pressi del lago di Terlago nella Valle dei Laghi in Trentino.

Un uomo, mentre camminava col suo cane nel bosco in Valle dei Laghi in Trentino nel tardo pomeriggio di sabato 22 luglio, è stato aggredito da un orso, che lo ha ferito ad un braccio con un morso.

Dopo essere stato aggredito l'uomo è infatti fuggito precipitosamente in un canalone ferendosi. "Aggressioni da parte di questi predatori (sulle quali tra l'altro non esiste negli ospedali trentini un protocollo sanitario), spese altissime dovute agli indennizzi e alla conta genetica degli orsi (che ci costa 18.000,00 euro all'anno), nessun controllo considerando che non si sa ancora quale sia il numero esatto di questi orsi; e intanto la maggioranza di governo provinciale non solo fa finta di niente, ma si permette anche di auto interrogarsi (come ha fatto di recente in modo quasi ridicolo il cons. Mario Tonina dell'Upt) su delle questioni che come opposizione stiamo ponendo da diversi anni". Soccorso dai Vigili del fuoco, il ferito è stato trasportato con un elicottero al pronto soccorso dell'ospedale Santa Chiara di Trento, dove è stato medicato. Anche il cane che lo accompagnava è stato tratto in salvo con alcune lievi ferite. Ha riportato diverse contusioni agli arti inferiori e superiori, conseguenza della caduta (secondo 'L'Adige' ha fatto un volo di circa 10 metri), ma le sue condizioni non appaiono gravi.

L'unità cinofila dei Forestali si è recata immediatamente sul luogo dell'aggressione per i primi accertamenti. La zona è stata isolata e messa in sicurezza.

"Seguiamo con grande rammarico e preoccupazione per la salute della persona coinvolta gli esiti, per fortuna non gravi, di questo nuovo attacco a un uomo da parte di un orso. - Domattina alle 8 ho convocato un vertice in Provincia con il Servizio foreste e fauna per concordare i passi successivi". Nel frattempo il presidente Rossi ha immediatamente informato il ministro all'ambiente, Gian Luca Galletti, dell'accaduto, "anche se la Provincia ha le idee chiare sul da farsi: l'approvazione della norma di attuazione - ha ribadito l'assessore - con la possibilità di rimuovere i soggetti pericolosi dal nostro territorio".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE