Le due visioni per il rilancio dell'Italia: Renzi vs Monti

Paterniano Del Favero
Luglio 18, 2017

L'ultimo capitolo in un'intervista sul Corriere della Sera, nella quale il "politico", dall'alto del suo zero virgola, spara contro Matteo Renzi, definito "un disco rotto" poiché ripete accuse a impatto zero. Matteo Renzi replica allattacco di Mario Monti, rivendicando la ricetta economica che, a suo dire, ha rilanciato l'Italia durante il suo governo. Cosa che stiamo finalmente facendo. "Accanto alla ricostruzione dei fatti del passato che nessuno può smentire e accanto alle emozioni umane che ho condiviso scrivendo a cuore aperto, c'è un punto che voglio sottolineare". E mi sembra evidente: "servono strategie pro crescita, non austerity".

Le argomentazioni degli altri - sostiene Monti - non gli interessano. Il rumore e la rissosita' crescono esponenzialmente. "E paradossalmente in quegli anni il rapporto debito Pil è peggiorato perché senza crescita il debito sale, sempre". La proposta di deficit al 2,9%, poi, viene bocciata in toto. Il leader pd ha infatti scritto: "Sia detto con molto rispetto per Mario Monti che oggi ha fatto una intervista per attaccare le tesi di Avanti: la cultura dell'austerity ha visto aumentare il numero di famiglie in povertà, un Pil negativo e crescere le diseguaglianze". Appartiene al genere delle improvvisazioni in cui l'annuncio precede la riflessione, come fu la strategia fiscale del governo Renzi, annunciata ad un'assemblea Pd a Milano senza che neanche il ministro dell'Economia - scommetto, e spero per lui - ne sapesse nulla", dichiara Monti, secondo cui "bisogna far evolvere il patto di Stabilita' introducendo uno spazio legittimo per veri investimenti pubblici. Per inciso il Fiscal compact è l'accordo stretto da 25 paesi Ue che vincola a rigide regole per il contenimento del debito pubblico e impone il pareggio di bilancio: insomma, un accordo capestro.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE