Omicidio a Barrafranca, commerciante d'auto ucciso a colpi d'arma da fuoco

Ausiliatrice Cristiano
Luglio 17, 2017

Abitava con la famiglia sulla strada provinciale che collega Enna a Barrafranca. A chiedere l'intervento immediato delle forze dell'ordine, pietrificate dal terrore per avere udito gli spari, la moglie e la figlia del 48enne. E' stato assassinato mentre lavava l'auto, sarebbe stato raggiunto da una o più rose di pallettoni sparati da almeno un fucile a canne mozze.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri e il sostituto procuratore della Dda di Caltanissetta, Santi Roberto Condorelli, che stanno indagando sull'omicidio.

L'omicidio di Filippo Marchì, commerciante d'auto freddato a colpi di lupara nella giornata di ieri, sarebbe stato definito una vera e propria esecuzione di stampo mafioso.

È stato raggiunto dai colpi mentre stava lavando la sua automobile. Marchi' che ha sempre commerciato in auto usate, in gran parte importate dalla Germania, era incensurato, essendo stato assolto dall'accusa di avere assassinato per motivi personali un imprenditore di Barrafranca, vicenda per la quale gli venne anche riconosciuto il risarcimento per l'ingiusta detenzione. In quell'occasione lui rimase illeso mentre la donna riportò delle ferite.

Il fatto è successo a Barrafranca comune in provincia di Enna. Esattamente 22 anni fa, il 21 luglio del 1995, Marchi' era sfuggito ai sicari che avevano affiancato l'auto sulla quale viaggiava con la moglie. Il delitto che lo vide coinvolto sei anni fa rimase senza una soluzione e anche quello a suo scapito potrebbe non vedere mai la verità, nonostante le indagini per fare luce su quanto accaduto ieri siano appena partite.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE