Morto Martin Landau, protagonista di "Spazio 1999" e premio Oscar

Ausiliatrice Cristiano
Luglio 17, 2017

Addio a Martin Landau, l'indimenticabile comandante Koenig in 'Spazio 1999', serie fantascientifica cult creata da Gene Roddenberr.

Lui, illustratore per i quotidiani newyorchesi (l'attore è nato proprio nella Grande Mela nel 1928), voleva fortissimamente diventare attore. Successivamente, dal 1974 al 1977, trovò grande popolarità con l'altra serie TV Spazio 1999 nel ruolo del capitano John Koenig, comandante della base lunare Alpha.

A lungo la carriera cinematografica di Martin Landau s'arenò, e per riportarlo in auge ci vollero Francis Ford Coppola, che lo volle per Tucker (1988) e soprattutto Woody Allen che, in Crimini e misfatti (1989), uno dei suoi film migliori, lo trasformò in un uomo qualunque che, schiacciato da una situazione che non riesce a gestire lucidamente, si macchia di un orribile crimine. Quindi il meritato Oscar come attore non protagonista, grazie a Burton. Il maestro del brivido, fedele al principio secondo il quale il cattivo deve possedere la stessa eleganza e magnetismo dell'eroe (che qui era Cary Grant), destinò a Martin Landau, alto, raffinato, sguardo freddo e penetrante, il ruolo dell'insinuante assistente del malvagio James Mason. Lo si era visto ancora recitare recentemente, nell'ultimo film di Atom Egoyan, Remember, nel quale interpreta un anziano sopravvissuto all'Olocausto.

Stranamente l'exploit di Spazio 1999 non aiutò granché la carriera di Martin Landau, che per circa un decennio rimase ai margini del grande cinema.

L'attore, 89 anni, aveva anche vinto un premio Oscar nel 1995, per la sua interpretzione di Bela Lugosi in Ed Wood, film di Tim Burton con Johnny Depp.

Martin Landau è morto al Ronald Reagan UCLA Medical Center di Los Angeles il 15 luglio 2017 in seguito a gravi complicazioni dopo un attacco di cuore.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE