Formula E a Roma, Raggi: "Un traguardo caparbiamente voluto"

Ausiliatrice Cristiano
Luglio 7, 2017

Il punto nodale è mettere insieme un evento sportivo di caratura internazionale e un tema che sta a cuore all'amministrazione come la sostenibilità ambientale, ma c'è un altro pregio importante che sono i benefici a caduta sul territorio. Noi siamo pronti ad aprirci a partner interessanti purché la città venga messa sempre al primo posto. L'evento sarà interamente pagato dalla Formula E e dagli sponsor tra cui Enel e porterà alla riasfaltatura di tutto il percorso di gara, un numero elevato di colonnine per la ricarica di vetture elettriche e un'estesa area di WiFi nel municipio coinvolto. Che secondo De Vito avrà un ritorno di sessanta milioni di euro in tre anni. Devo ringraziare tante persone, con le quali abbiamo cominciato a lavorare un anno fa per realizzare il progetto, ma la cosa veramente bella è vedere come la Formula E generi consenso attorno a sé. Non siamo contrari alle grandi opere ed eventi, siamo a favore delle grandi opere ed eventi che sono a favore della città. "La Formula E ci permetterà di ridefinire l'identità dell'area".

E ancora: "Inoltre, Roma entra in un periodo molto importante per noi, perché la serie è in pieno sviluppo tecnologico: nel prossimo triennio le macchine saranno più efficienti oltre che più performanti. La mobilità elettrica è una parte importante della soluzione". "Formula E, un'esperienza di successo" "Ci sono sfide che sicuramente il Comune non può vincere da solo e quindi c'è la necessità di stringere partnership con soggetti che possono aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi", ha aggiunto la sindaca.

L'evento, ha sottolineato il presidente di Eur Spa, "ci sarà il 14 aprile ma abbiamo l'idea di aprire già tutta la settimana precedente, alla Nuvola ci sarà il cosiddetto 'village' che offrirà ospitalità gratuita a tutti, le case automobilistiche promuoveranno iniziative sulla mobilità elettrica e i cittadini potranno incontrare i piloti e provare a guidare una Formula E tramite un simulatore".

L'obiettivo è quello di "sensibilizzare Roma e i romani, convincerli che una mobilità sostenibile è la scelta giusta per la città, anzi è l'unica", aveva spiegato in un'intervista concessa alla Gazzetta dello Sport oggi in edicola.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE