In fiamme i boschi di Pedrogao Grande, almeno 57 morti

Bruno Cirelli
Giugno 19, 2017

16 le persone che sono morte, intrappolate nelle loro auto in fiamme; altre tre, invece, sono decedute a causa di inalazione di fumo. Domenica mattina il governo portoghese ha comunicato che le persone morte negli incendi sono 39.

"Non abbiamo memoria di una tragedia umana di questa portata" ha detto del tragico incendio di Pedrogao il primo ministro portoghese Antonio Costa Il presidente Marcelo Robelo de Sousa, giunto già questa notte con Costa nella zona del disastro, ha affermato che "è stato fatto il massimo che si poteva fare" per fermare l'incendio. Secondo il ministro dell'Interno Jorge Gomes, le fiamme si sarebbero propagate in modo inspiegabile, "un incendio impossibile da controllare", lo ha definito.

E' di almeno 62 morti e 54 feriti il drammatico bilancio dello spaventoso incendio che in Portogallo ha devastato le aree boschive di Pedrogao Grande, a 50 chilometri da Coimbra.

Tra le vittime, come riporta la stampa portoghese, ci sono almeno quattro bambini. Purtroppo nonostante il grande lavoro non sono riusciti a impedire che le alte fiamme si propagassero nel villaggio di Figueiró dos Vinhos.

Papa Francesco, nell'Angelus di oggi, ha espresso il suo cordoglio alle vittime. "Sulla base delle informazioni raccolte in questo momento ci fa pensare, con un grande grado di certezza, che la causa sia stato un fulmine che ha colpito un albero secco", ha detto il direttore della protezione civile, Pedro do Carmo. Oltre 600 vigili del fuoco sono stati mobilitati per spegnere le fiamme e molte persone hanno dovuto abbandonare le abitazioni nella zona. Spagna e Francia hanno inviato in Portogallo dei Canadair e anche l'Italia si è detta disposta a intervenire. Ovviamente la speranza è che nessuno di questi 59 feriti vada ad ampliare l'elenco delle vittime e che il tutto si possa risolvere con i minori danni possibli.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE