Londra, morti Gloria e Marco. Nella torre "oltre 100 morti"

Paterniano Del Favero
Giugno 18, 2017

"Mi dispiace dire che ci sono 58 persone che ci hanno detto erano presenti nella Grenfell Tower quella notte che risultano disperse e quindi con tristezza devo considerarle morte", ha aggiunto Cundy. E' stata la Farnesina a dare la notizia all'avvocato della famiglia Trevisan, Maria Cristina Sandrin.

Sono passate più di 24 ore dall'incendio che ha colpito la Grenfell Tower di Londra, grattacielo di edilizia popolare a nord Kensington, ovest della Capitale. E purtroppo Marco e Gloria, che erano a Londra per motivi di lavoro, erano in quella torre, erano in quell'inferno di cristallo che li ha intrappolati spegnendo per sempre il loro sorriso.

Amaro e straziante lo sfogo dei genitori di Gloria e Marco, le cui speranze che i figli vengano trovati ancora in vita, come anche confermato dai loro legali, sono pressoché nulle. Ma soprattutto ha cercato di rassicurare sulla volontà di affrontare le molte questioni irrisolte che l'episodio ripropone e le denunce che restano inevase da anni. Già da tempo infatti alcuni esperti si dicevano allarmati per i rivestimenti collocati sulla torre, pannelli isolanti che avrebbero amplificato le fiamme. May, che presiede una task force sul disastro, ha annunciato che al termine incontrerà "un gruppo di residenti, di volontari e di leader della comunità".

La mamma e il papà di Gloria, Emanuela e Loris, non ce l'hanno fatta a partecipare alla veglia. La speranza è che il numero delle vittime "non arrivi alle tre cifre", ha spiegato Stuart Cundy, capo della polizia della città, aggiungendo che "c'è tristemente il rischio che non saremo in grado di identificarle tutte". Poi, l'addio: "Sto per andare in cielo, vi aiuterò da lì".

La polizia ha interrogato l'uomo e ha avviato un'indagine penale per capire se qualche individuo o società debbano essere ritenuti legalmente responsabili per quanto accaduto.

E' stata contestata dai cittadini infuriati, che le urlavano "vergognati, codarda", la premier Theresa May mentre era in visita in un centro di accoglienza per i superstiti nella tragedia della Grenfell Tower a Londra. Questo tipo di rivestimento sarebbe stato meno costoso di quello ignifugo, ma non completamente in linea con le norme di sicurezza.

E questo perché al momento si contano 76 dispersi in accordo con quanto rivelato dalla BBC.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE