Trump, il repubblicano McCarthy: "Credo sia pagato da Putin"

Paterniano Del Favero
Mag 19, 2017

La presidenza americana sull'orlo dell'impeachment.

Wp, frase pronunciata in un incontro privato nel giugno 2016.

"Ci sono due persone che penso siano pagate da Putin, una e' Rohrabacher e l'altra Donald Trump'". Prima della conversazione, McCarthy e Ryan avevano tenuto due colloqui separati con il primo ministro ucraino Vladimir Groysman, che aveva descritto come tattica usuale del Cremlino quella di finanziare politici populisti per controllare, danneggiare e indebolire le istituzioni democratiche in Europa, soprattutto nei Paesi dell'Europa dell'Est. Secondo la ricostruzione del Post, alcuni dei deputati presenti alla conversazione reagirono ridendo alle parole di McCarthy, ma lo stesso capogruppo del Gop replico': "lo giuro su Dio".

A questo punto molti si erano messi a ridere, ma rendendosi conto che la battuta poteva essere pericolosa e aveva tagliato corto.

Proprio mentre la notizia-bomba fceva il giro del mondo, arriva su Twitter la precisazione di McCarthy: "È stato un tentativo di umorismo andato male". Il presidente Usa: 'La più grande caccia alle streghe di un politico nella nostra storia'.

La trascrizione ottenuta dal Washington Post di quella conversazione infatti dimostra che già a giugno - subito dopo che era stato rivelato che i russi avevano cercato di lanciare un attacco hacker contro il comitato nazionale democratico - i repubblicani parlavano delle relazioni con la Russia di quello, anche contro la loro volontà, era diventato il loro candidato. L'IMBARAZZO DI MCCARTHY "Uno scherzo, una battuta di cattivo gusto che nessuno pensa sia vera": così il senatore Kevin McCarthy si giustifica per la frase pronunciata un anno fa - quando era leader della maggioranza repubblicana al Senato - e colta in un audio finito nelle mani del Washington Post.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE