Primarie del Pd a Torino

Bruno Cirelli
Aprile 30, 2017

Seggi aperti per le primarie del Pd.

Come nel resto d'Italia anche nella nostra cittadina domenica 30 aprile si svolgeranno le Primarie per nominare il Segretario e i membri dell'Assemblea nazionale. In totale sono state presentate 164 candidature nei 12 collegi del Piemonte, 69 della mozione Orlando, 70 per Matteo Renzi, 25 per Michele Emiliano. Domani, oltre al nome del vincitore, saranno resi noti i sessanta piemontesi chiamati a partecipare all'assemblea nazionale, che sarà formata dieci giorni dopo il voto. Se nessuno dei tre ha la maggioranza assoluta dei delegati, il segretario viene eletto dall'assemblea con un ballottaggio dei due primi classificati in termini di delegati. "Siamo tutti impegnati affinché la macchina la macchina organizzativa funzioni nel migliore dei modi e fino alla chiusura dei seggi vigileremo per garantire la massima trasparenza e correttezza". Capolista nella Bat per Renzi è il barlettano Ruggiero Mennea, consigliere regionale; seguono nella lista, la tranese Irene Cornacchia (che ha sostituito in extremis Antonella Cusmai, consigliere comunale di Margherita di Savoia); Marco Silvestri, consigliere comunale a Canosa; Angelica Curci, biscegliese; Agostino Paradies, andriese. Lo slogan elettorale di Michele Emiliano è "L'Italia è il nostro partito". In dettaglio, la lista con a capo il primo cittadino biscegliese, Francesco Spina, vede in corsa anche la tranese Eleonora Vitale e poi Gaetano Delzio, Raffaella D'Ambra, Massimo Nicola Minerva. Qui sotto c'è un fac-simile della scheda diffuso dal PD.

Quasi tutta andriese la lista capeggiata da Antonio Griner (ex assessore alle Finanze durante l'amministrazione Zaccaro): con lui Gilda Silvestri Vigilante (di Minervino), Nicola Marmo, Antonia Iannarelli e Giuseppe Colasuonno. In tutto gli elettori del Pd che hanno deciso di pre-registrarsi sono 3600.

Ai seggi e ai gazebo allestiti in diversi punti della propria città, gli elettori dovranno recarsi muniti di documento di identità e della tessera elettorale.

Potranno votare tutti i cittadini italiani, Ue e extracomunitari con permesso di soggiorno in Italia (o richiesta di rinnovo). Sarà richiesto di versare un contributo pari ad almeno 2 euro per non tesserati.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE