Naufragio Concordia, in Cassazione l'ultimo verdetto per Schettino

Bruno Cirelli
Aprile 21, 2017

Concordia, la lettura della sentenza: Schettino condannato in appello a 16 anni L'ex comandante della Costa Concordia Francesco Schettino è stato condannato a 16 anni in appello.

Il ricorso alla Suprema Corte è stato presentato dalla Procura della Corte d'appello di Firenze, che aveva chiesto una condanna a 27 anni e dalla difesa dell'ex comandante. Al momento l'ipotesi più probabile è quella che vede la conferma dei 16 anni e 1 mese di reclusione, come deciso dai processi di 1′ e di 2′ grado. Alla trasmissione del video in aula, però, si è opposto il sostituto pg Francesco Salzano: "Si tratta di una richiesta tardiva - ha detto - questo processo è durato cinque anni, ed il video poteva essere ampiamente illustrato nei precedenti gradi di giudizio e nelle arringhe difensive".

Secondo il pg, da parte di Schettino c'è stata anche una "latitanza gestionale", dopo aver causato il naufragio con morti e feriti, che ha fatto si che l'emergenza "non è stata da lui organizzata e controllata". Sulla nave c'erano 3216 passeggeri e 1013 persone d'equipaggio. Il procuratore generale della Corte di Cassazione, Francesco Salzano, ha chiesto alla Suprema Corte di accogliere il ricorso del pg della Corte d'Appello di Firenze. La Costa ha risarcito lamaggior parte delle parti civili mentre altre sono ricorse inCassazione per ottenere indennizzi più alti. Morirono 32 persone, "Schettino era consapevole". Ha preferito restare a Meta Francesco Schettino il giorno in cui si riapre, su sua richiesta, il capitolo della sua storia giudiziaria.

Il pg ha poi sottolineato che "Schettino, contro tutte le regole di navigazione, ha comandato una rotta improvvisata senza conoscere i fondali, dopo di che ha messo in atto una manovra disperata con ordini impartiti così velocemente al timoniere che nemmeno lui capiva". Terminate le arringhe dei difensori, la Corte, presieduta da Vincenzo Romis, sarà pronta per ritirarsi in camera di consiglio per decidere.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE