Attacco bus Borussia Dortmund, un arresto

Rufina Vignone
Aprile 21, 2017

Lo ha segnalato la procura, che ha chiarito che il suo movente era economico e non di natura "terroristica". Secondo la Bild, l'obiettivo dell'uomo sarebbe stato quello di far crollare il prezzo delle azioni della squadra del Borussia Dortmund. L'uomo ha dormito nell'albergo del Dortmund in una stanza con una finestra che affacciava proprio sul luogo dell'attentato ed è stato notato dai dipendenti dell'albergo perché è stato l'unico cliente a non essersi agitato dopo l'esplosione, ma anzi, è andato nel ristorante dell'albergo a chiedere una bistecca. L'attentatore è Sergej W., un 28enne con la doppia cittadinanza tedesca e russa che è stato arrestato nell'area di Tubinga, una città nel sud-ovest del Paese, nel Land del Baden-Wuerttemberg.

Sergej W, questo il nome, è incappato in alcuni errori che hanno permesso alle indagini di prendere un'altra direzione e di portare dopo una settimana all'arresto. L'uomo avrebbe acquistato da un hotel un pacchetto di 15 mila opzioni, per un valore di 78 mila euro. Con la morte di qualche calciatore, le azioni del club sarebbero crollate, garantendo all'uomo un profitto milionario: circa 3.9 milioni di euro. Lo ha riferito la procura federale, precisando che non si tratto' di terrorismo ma di un attacco per motivi economici. Sergej W. avrebbe competenze specialistiche in campo elettronico e sarebbe in grado di fabbricare bombe. Nel luglio 2015 vinse un premio scolastico in elettronica.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE