Putin a Le Pen: "Nessuna intenzione di influenzare elezioni francesi"

Paterniano Del Favero
Marzo 27, 2017

Le Pen ha promesso di riconoscere la Crimea come territorio russo e di battersi contro le sanzioni a Mosca qualora diventasse presidente della Francia: "Ho sempre sostenuto la revoca delle sanzioni, che considero controproducenti". "So che lei rappresenta uno spettro di forze politiche europee, che si sta sviluppando piuttosto velocemente".

Le Pen, che non ha mai nascosto l'ammirazione per il leader del Cremlino, ha definito molto importante questo incontro e soprattutto in questo momento in cui "la minaccia terroristica incombe su tutti noi". "Auspico che la federazione russa riprenda il posto che le spetta nella lotta al terrorismo - ha aggiunto la Le Pen -, è la lotta delle nazioni e dei popoli liberi di fronte a una minaccia terroristica comune".

Dmitrij Peskov, portavoce del Cremlino, ha assicurato che sul tavolo dei colloqui non c'è stato alcun riferimento a probabili finanziamenti da parte della Russia al partito della Le Pen ma indubbiamente questo colloquio rafforza il Front National dal punto di vista della politica estera. "Non credo che siano possibili", ha tagliato corto. "Ho anche intenzione di combattere il fondamentalismo islamico attraverso la chiusura delle moschee salafite o con l'aiuto di un divieto dell'Unione delle organizzazioni islamiche di Francia (UOIF)" ha dichiarato Le Pen in risposta alla domanda di quali misure avrebbe preso per contrastare il terrorismo. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE